Meno lavoro per ognuno, più lavoro per tutti

Le ultime dichiarazioni di Larry Page (Google) dimostrano quello che da quasi 10 anni continuo a ripetere. La classe media sta morendo: molti indicatori lo dimostrano. E il nuovo slogan americano del "meno lavoro per ognuno, più lavoro per tutti" ne accelererà il processo. Ecco perchè e cosa dovresti fare (secondo me)

Nelle ultime settimane siamo stati bombardati da un nuovo mantra: l’’elogio del lavoro part-time.
Pare che lavorare solo 4 ore al giorno sia fantastico. In pratica ti permetterebbe di fare tutto quello che prima non potevi fare: andare in palestra, fare passeggiate, fare shopping, dedicarti al tuo hobby, viaggiare.


Lo dice Google e lo dice Virgin: “Lavorare meno per vivere meglio”. Solo quest’’estate ho visto almeno 4 pagine di giornali interamente dedicate a questo argomento.
Ora permettimi di essere forse un po’ duro: ti stanno prendendo per i fondelli.
Ne intuisci le conseguenze? Aspetta, soffermati veramente a pensare alle conseguenze che questo avrà sulla classe media.
La classe media è quella che da sempre ha ambito a lavorare presso i grandi brand: Google, Amazon, Virgin, Facebook, ma anche Coca-Cola, Ebay… tutte icone del nostro tempo. Prova a chiedere ad un neolaureato di farti la lista delle 3 società nelle quali vorrebbe lavorare e ti citerà almeno due di queste.
Ora, se ad un neolaureato dovessero dire di lavorare part-time: metà giornata, metà stipendio, ma con un sacco di tempo libero, cosa succede? Semplice. Succede che la nuova classe media ha metà stipendio. Ma anche metà macchina, metà casa, metà uscite al ristorante. Anzi nemmeno questo, perché non lo puoi fare a metà. Non lo fai punto e basta. Succede che la classe media si impoverisce. Anzi è destinata a sprofondare.
Ecco, sta andando in scena la seconda fase del grande movimento di risorse economiche dal basso verso l’alto. Spazzolare risorse dalla classe media, dopo aver impoverito ulteriormente i poveri.
Aspetta, non sto dicendo che fa parte di un disegno globale. Non credo nelle teorie complottiste. Semplicemente, sta succedendo e ci sono molti indicatori che lo confermano.
Guarda il recente miracolo americano: gli USA sono usciti dalla recessione e hanno ridotto velocemente il tasso di disoccupazione. Come hanno fatto? Semplice: più lavoro per tutti, per meno tempo. Ovvero la ricetta di Google di cui sopra.
Se pero’ vai a chiedere a Brian (che lavorava da McDonald) come fa adesso a pagare la casa, ti dice che sopravvive grazie ai sussidi di disoccupazione, e che in generale deve fare almeno due lavori per riuscire a mantenere il suo stile di vita precedente.
Vorrei un tuo commento su questo punto, usando il modulo qui sotto.

Psicologia del denaro

Scopri i preconcetti che ti limitano nel rapporto con le tue finanze.

Psicologia del denaro

Scopri i preconcetti che ti limitano nel rapporto con le tue finanze.

Ecco, a me interessa soprattutto parlarti di questa cosa qui: dello stile di vita.

Questo “part-time” per avere più tempo per sé, può essere ottenuto oggi in modo molto più intelligente.
Perchè comunque si tratta di un lavoro subordinato in cui scambi tempo per denaro, ovvero:

    • Baratti 4/5 ore per una paga oraria ridotta
    • Guadagni di meno di prima
  • Il mantenimento del tuo stile di vita dipende dalle decisioni prese da altri
  • Hai tutti gli svantaggi del lavoro subordinato
  • Non risolve alcuna preoccupazione finanziaria

Ecco invece cosa potresti fare:

  • Creare entrate automatiche
  • Mantenere il tuo posto di lavoro
  • Fare in modo che le tue entrate automatiche superino le tue spese
  • A quel punto decidere di fare quello che vuoi per il resto della tua vita.

Se pensi che sia difficile, hai ragione. Pero’ credimi, è molto più difficile vivere una vita a tirare la cinghia e lasciare ad altri la responsabilità della qualità della tua vita.
In poche parole, lascia a Page e a Branson il loro taglio dei costi.
E comincia a concentrarti da ora sul tuo futuro finanziario e a pianificarlo: perché quello è il posto dove andrai a vivere.

Psicologia del denaro

Scopri i preconcetti che ti limitano nel rapporto con le tue finanze.

Psicologia del denaro

Scopri i preconcetti che ti limitano nel rapporto con le tue finanze.

Alla tua Libertà Finanziaria,
Alfio Bardolla

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Leggi anche