Avere un business: il modo migliore (e più complesso) per fare soldi

Avere un business: il modo migliore (e più complesso) per fare soldi

Dopo oltre 20 anni di esperienza nel campo degli investimenti, posso dirti che avere o creare un business è la strada più difficile, ma anche la migliore per fare soldi.
Prima di tutto, se sei un imprenditore e vuoi avere successo, devi avere capacità e conoscenze in tutti gli ambiti utili per guidare un’azienda: marketing, finanza, commerciale, comunicazione, leadership e gestione delle persone.

Devi essere un leader e avere coraggio e forza morale per non arrenderti davanti alle difficoltà, ma anzi trovare il modo di affrontarle e superarle. Devi essere in grado di darti degli obiettivi e rispettarli.
Tutto questo ti sembra complesso?
In effetti lo è, ecco perché l’80% dei business fallisce entro 5 anni. Creare un business è indubbiamente difficile, per questo diventa fondamentale conoscere il metodo giusto, quello che funziona. Significa avere una possibilità di farcela.
Ti starai chiedendo: “E se faccio tutta questa fatica, cosa ottengo in cambio?
In cambio di tutto questo, il business ti regala un’enorme leva finanziaria. Mi spiego meglio.
Puoi partire con un’’idea, poche, o addirittura pochissime, persone e alcune migliaia di euro per arrivare rapidamente a milioni di euro e decine o centinaia di persone di cui circondarti. Se va così è perché la tua idea di business ha fatto centro.
E ora penserai: “Bello, ma come si fa a fare centro?”

Un imprenditore è fondamentalmente un problem-solver

Un business fa centro quando risolve nel migliore dei modi un grosso problema di molte persone lanciando sul mercato un nuovo prodotto o servizio––. Può addirittura essere un problema che le persone non sapevano di avere, prima che uscisse il nuovo prodotto o servizio, ma nel momento in cui capiscono di avere dei vantaggi utilizzandolo, significa che il business funziona.
libri

I Numeri Chiave del Business

Sono i numeri che determinano il valore di un’azienda. Quanto vale la tua?
SCARICA GRATIS

 
Giusto per essere più chiaro, ti faccio qualche esempio.
Tanti anni fa, le persone non si erano mai poste il problema di avere la musica sempre con sé (in viaggio, per strada, facendo jogging, ecc.) finchè nei primi anni Ottanta arrivò il Walkman della Sony che segnò davvero una svolta diventando uno dei prodotti di più grande successo commerciale. Circa vent’anni dopo, Steve Jobs inventò l’iPod, un oggetto piccolo, prezioso e molto più pratico da trasportare con cui ascoltare ovunque musica in MP3.
Ecco un altro esempio: fino al 1987 la gente non sapeva cosa significasse bere una bevanda frizzante e colorata dal gusto leggermente medicinale che desse un senso di energia e nuova carica. Poi un Austriaco di nome Dietrich Mateschitz lanciò sul mercato Red Bull e fece un boom incredibile, ancora oggi inarrestabile. Per farti un’idea, il fatturato 2016 di Red Bull è stato di 6.062 miliardi di euro.
Quindi, ricapitolando: se la tua idea di business risolve o migliora un bisogno o un problema importante per molta gente, allora significa che sei sulla strada giusta per fare centro. Altrimenti butti solo via tempo, denaro e speranze.
Spesso, infatti, ci sono idee di business che nascono da una passione o da un’’intuizione del potenziale imprenditore, ma non interessano il mercato, oppure ne interessano solo una fetta troppo piccola o difficilmente raggiungibile, o ancora non sono particolarmente adatte per quel preciso momento. In questi casi, la passione guida il potenziale imprenditore verso la catastrofe.
libri

I Numeri Chiave del Business

Sono i numeri che determinano il valore di un’azienda. Quanto vale la tua?
SCARICA GRATIS

 
Al prossimo appuntamento con la tua libertà finanziaria,

Alfio Bardolla

Questo articolo ha 110 commenti.

  1. trovo molto stimolanti queste piccole pagine di “saggezza” e informazione finanziaria che Alfio ci manda.
    Le leggi in un attimo, ti aiutano ti incuriosiscono e ti stimolano…ad andare avanti e approfondire !
    grazie
    antonella

  2. sono veramente eccezzionali,ti aprono la mente
    grazie a presto simone

  3. grazie per pagine sono interesante mi ajutano tanto .Maria

  4. Ciao Alfio,
    sicuramente argomenti interessanti e da approfondire per impararea creare un proprio business e farlo funzionare al massimo.
    Nel post leggo che un’idea di business deve rivolgersi al un grande mercato o ad un mercato non difficile da raggiungere.
    Il mercato a cui rivolgo i miei servizi è un mercato di nicchia e che è difficile da raggiungere rispetto a chi ha un negozio o vende servizi alla gente comune.
    Il mio mercato è composto da clienti di alta fascia di reddito,infatti propongo organizzazione di eventi personali con servizi di lusso.
    Raggiungere questo target non è certo cosa semplice(non li trovi i clienti dietro l’angolo).
    Quello che dici significa che allora non ha possibilità di successo?
    Sicuramente va approcciato diversamente rispetto ad un mercato “normale”…
    Salvatore

  5. Ogni mercato richiede strategie specifiche. Il marketing e’ molto, molto importante. Quindi va studiato qualcosa ad hoc per il suo mercato. La profittabilita’ dipende da tante cose, non ultima la concorrenza.

  6. Ciao Alfio, mi piacerebbe scambiare due parole con te! Ho dei problemi finanziari ma di certo non mi butto giù è ho delle idee, mi piacerebbe esportele per avere un tuo parere, ti rubo solo 5 min al telefono il mio numero ce l’hanno i tuoi collaboratori, ti chiedo per favore chiamami anche con numero anonimo, grazie mille Maurizio.

  7. ciao alfio,avrei una miriade di idee solo che ovunque mi presenti per svilupparle mi mettono bastoni fra le ruote…adesso sono all’ennesima idea speriamo bene anche perchè la risposta è sempre:”dove vai se i soldini non ce li hai”?

  8. Io sono un imprenditore, mi occupo di affilatura e vendita di utensili a: Falegnami e serramentisti,
    sto lavorando in collaborazione con altre aziende ma non riesco a trovare i soldi che mi servono per mettermi completamente in propio, (perche’ non ho garanzie da dare alle banche, e’ in piu’ ho qualche assegno tornato indietro impagato perche’non sono riuscito a reperire in tempo i soldi per coprirlo.
    (successivamente i titoli sono stati pagati pero’ al momento ancora permane il protesto.)
    nella mia zona in calabria (Crotone) ci sono un sacco di paesini specialmente sul mare, dove si possono reperire vecchie abitazioni da ristrutturare a prezzi molto buoni. il mio proggetto sarebbe quello di acquistarli ristrutturarli e venderli. posso avere qualche informazione riguardo a come posso fare per reperire i fondi ? C’e’ qualche ente o associazione che potrebbe darmi una mano senza dover aspettare tempi Bibblici per passare ai fatti?
    Aspetto vostra cordiale risposta .Saluti! da Demetrio Loi Torre Melissa (KR) tel. 349/8351831

  9. Non posso aiutarla su questa cosa specifica dei finanziamenti. Le posso dire che io consiglio il metodo di trovare finanziatori (other people money, i soldi di altri) e non necessariamente nella sua zona, che potrebbe funzionare sicuramente anche nel suo caso. Anche per questo motivo e’ utile venire ai seminari, perche’ si possono incontrare partner d’affari.

  10. Buonasera Alfio,
    so di certo che hai tanti imnpegni di lavoro,ma io giovedì saro per una coach da Luca ,mi sarebbe piaciuto farla con te ma i tuoi collaboratori mi hanno giustamente detto che hai troppi impegni,e visto che a pranzo tutti mangiano penso anche te,quindi vorrei offrirti il pranzo in via Cerva a milano da un amico
    poi volevo offrirti un caffè da arnold coffè locale molto bello ma…Parlo per esperienza e mi piacerebbe sapere cosa ne pensi in merito ,non ne voglio parlare qui nel tuo blog,quindi se vorrai confrontare con me ci vediamo giovedi ore 12:00 nella tua sede basta che mi rispondi si o no.
    Un salutone Fabio Bachin

  11. Buona notte alfio,
    immagino che non possa averti come ospite a pranzo alla trattoria da pino in via cerva a Milano
    sen non ti piace il posto puoi scegliere tu a me va bene,premetto che sto ascoltando un tuo consiglio cioè portare a pranzo un milionario,ci terrei davvero
    magari pretendo un pò troppo ma cosa vuoi sono ambizioso.Al corso ho notato che parli con tutti e io stesso ti ho regalato la mia tortina alla cannella e noci ,mi sei sembrato una persona alla mano ma ero talmente preso dal corso che non ho osato tanto.Atendo una risposta anche negativa, domani mattina alle 11:0 sarò nella tua sede fino a mezzogiorno poi vado in centro a pranzo spero in tua compagia

  12. Ciao Alfio
    la mia idea di business è fare terapie quindi risolvere problemi fisici e mentali delle persone.
    Quello che mi occorre sono soldi per iniziare l’attività, pubblicità e unposto adatto.
    A settembre se tutto va bene riuscirò nell’impresa di fare l’imprenditore di me stesso, che è secondo me la cosa migliore.
    Grazie e buon lavoro
    Maurizio

  13. caro Alfio,
    Fabio Bachin si merita proprio la tua compagnia a pranzo!!
    auguri Fabio ed in bocca al lupo per tutto!

  14. Dear Alfio,
    devo confessare di essere un Tuo affezionato fans, letto tutto ciò che scrivi, tutti i commenti che ricevi e soprattutto utilizzo i tuoi libri come manuale nella mia profesione. Da qando seguoi tuoi consigli non faccio altro che perfezionarmi di giorno in giorno. Io mi occupo di finanziamenti alle famiglie ed ai privati da 10 anni; adesso il mio studio di consulenza deve diventare una azienda con tantissimi rappresentanti ed operante in tutta Italia: ecco perchè al prossimo seminari certamente ci sarò!!! ora più che mai ho bisogno della tua guida per non cadere proprio adesso che mi devo lanciare tre passi avanti! Grazie per i tuoi insegnamenti, a presto. Andrea

  15. Delle Vere e Proprie Perle di Saggezza… oltre che dei Preziosi Esempi di Vita!
    Complimenti.
    🙂

  16. ciao Alfio
    vorrei sapere cosa significa la risposta che danno gli istituti finanziari quanto non accettano la mia richiesta “non corrispondi ai nostri parametri” non danno altre spiegazioni puoi dirmi cosa significa?
    qualche istututo non la detto chiaro, ma ha fatto intendere che ero troppo giovane.
    precisando che la prima volta che sono andato in banca a chiedere un mutuo per poter acqustare un immobile avevo 24 anni e stavo in regola da 1 anno.
    la seconda cosa che non riesco proprio a capire perche dicono che i mutui hanno una durata massima di 40 anni, ma se chiedi il mutuo si fermano a 30 anni anche se rientri nella fascia di 40 anni, però il tasso di interesse calcolano il massimo che è consentito dalla legge con uno sconto dello 0,5% allo 0,75%
    grazie

  17. mahhhhhhhhhhhh

  18. Ho gia’ risposto sul problema delle banche e della stretta creditizia. Visto che sono cose che non puoi modificare dedica le tue risorse a quelle che puoi modificare. Trova i soldi in altro modo, per esempio con partner finanziari.

  19. salve alfio vorrei invitati visitare il mio sito ea darmi un consiglio per sfondare nel settore grazie, compimenti per tutto

  20. Grazie Alfio, le tue sono informazioni utili.
    E’logico che un’idea senza il sistema giusto per realizzarla non serve a nulla, ma prima ancora dell’idea o delle informazioni/sistema per realizzarla serve la Persona cioè sono necessarie delle capacità caratteriali come giustamente dici all’inizio.
    Allora bisognerebbe fare prima un’autonalisi e lavorare sullo sviluppo delle qualità di cui siamo carenti, prima di buttare soldi/tempo in informazione che magari poi rimane chiusa in qualche cassetto del cervello, che ne pensi?

  21. Ciao Alfio,
    leggo sempre le tue newsletter e le uso come stimolo per avere sempre la grinta necessaria ad andare avanti. In questo periodo di “crisi” mi sono aperto una attività di forniture per bar e ristoranti e in più mi sto dedicando anche a diventare consulente assicurativo. Il tutto mentre faccio il corriere!! Ovviamente non sarà più quella la mia attività entro la fine dell’anno.
    Cmq in quello che dicono essere periodo di crisi io credo sia un periodo di opportunità da cogliere al volo. Bisogna però trovare l’idea giusta e darsi molto da fare. Se non si hanno i fodni giusti coinvolgere chi li ha e farsi finanziare da loro.
    Cmq Alfio credo che tu sia un gran motivatore già solo con le cose che scrivi e ti ringrazio molto perchè sono quelli come te che danno l’energia giusta per realizzare i propri sogni!!

  22. Bravo, e’ proprio l’atteggiamento e il comportamento che bisogna avere e che da’ risultati nella liberta’ finanziaria.

  23. Poi ho un amico che ha fatto il corsco con te e mi parla sempre degli investimenti immobiliari con le aste! Sicuramente tra poco comincerò anche io a muovermi in questo campo visto che nella struttura per cui lavoro abbiamo anche la sezione immobiliare e creditizia.
    Sono sicuro che sarà tutto un successo!!
    CI CREDO MOLTO!!!!

  24. ciao alfio
    inizio col dire che sabato e domenica ci sarò anche io al tuo “a scuola di business” , e inoltre ho letto entrambi i tuoi libri……ho un appunto da farti, scusa se mi permetto……….praticamente nei tuoi libri si parla molto dei punti a favore dell’investimento……..ma nn si parla affato(o comunque molto poco) dei rischi (piccoli,medi o grosi) che può comportare un investimento sbagliato………spero che al corso tu possa mettere in luce tutti gli aspetti, sia negativi che positivi…………ciao

  25. Ciao alfio non ci conosciamo ma ti seguo da qualche mese ho 32 anni imprendo da 11 avevo un sogno da ragazzo un miliardo di ft poi e’ arrivato l’euro..1 milione, obbiettivo raggiunto nel 2008 1.102mila, caspita dirra’ qualcuno, vero. Ero talmente concentrato sull’obbiettivo che sono venuto a meno di controllo e gestione e la mia (barca) si e’ arenata, ora come sempre lavoro 14/16 hr gg,sono felice una famiglia invidiabile una figlia stupenda, qui sul mio divano davanti al 50” con il mio inseparabile pc, una vita poco sopra le righe, grazie a te a roberto a robbins ho imparato molto sono pronto vado in america per tanti motivi non prima di aver frequentato anche un tuo corso, grazie ancora alfio molti indirettamente ti sono molto riconoscenti, a presto.

  26. Grande Claudio. Ti posso solo dire per esperienza personale che e’ fondamentale bilanciare il business con la famiglia. Magari comincia a limitare un po’ le ore di lavoro creandoti dei redditi passivi che ti lascino piu’ tempo libero da passare con chi vuoi bene.

  27. Ciao Alfio ho letto i tuoi libri e voglio farti i complimenti, sono stati i primi 2 libri che mi hanno aperto la mente verso la libertà finanziaria.
    C’è qualcuno in questo blog che ha seguito il corso
    a ”Scuola di business”.
    Com’è andata?

  28. Ciao Alfio,grazie innanzitutto della tua spinta di fare e sempre meglio leggendo alcuni tuoi suggerimenti.
    Ti chiedo :come si fa a capire se un imprenditore ha la forza di essere tale o ad un consulente come me legato al mondo del turismo ti fà imiegare del tempo ma senza i successi desiderati o prefissati.
    Ciao e grazie
    Gianni Vannella
    Manager Italia

  29. Non ti posso dare una formula per capire il tuo interlocutore. Ci sono troppe variabili e secondo me, con la tua esperienza gia’ capisci da solo chi hai di fronte. Per quanto riguarda impiegare tempo senza successo, invece puoi fare qualcosa. Crea un processo che non impiega il tuo tempo, per valutare le potenzialita’ dei tuoi interlocutori, prima di andarli a visitare. Puo’ essere un venditore al telefono, puo’ essere un sito internet. Significa fare lead generation e qualification, un’attivita’ che in Italia si usa poco, ma che – lo impari sulla tua pelle – e’ essenziale per spendere tempo solo su clienti che se lo meritano.

  30. Ciao Alfio, recentemente mi sono interessato al business dei distributori automatizzati o, meglio, negozi automatizzati, che cominciano ad apparire sempre più frequentemente nelle nostre città sotto forma di vari franchising.
    Tu che ne pensi? possono essere un buon investimento, avere un cashflow positivo? o i costi rischiano di essere troppo elevati?
    grazie per la risposta.

  31. In assoluto sono un’ottima cosa, io stesso ho un’azienda nel settore dei distributori automatici. Come ogni cosa devi fare i tuoi conti e fare le tue ricerche, ci sono ottime aziende e pessime aziende. Ma come concetto sicuramente vanno nella direzione giusta.

  32. Ciao Alfio,
    una domanda: secondo te il business dell’energia alternativa, di cui ormai tanto si parla, potrebbe essere un settore interessante da seguire per la libertà finanziaria, da unire agli altri settori che tu pubblicizzi quali appunto immobili e trading?
    Oppure ritieni sia complesso e ancora circoscritto a pochi “eletti”?
    Grazie anticipatamente per la risposta.

  33. Ho gia’ risposto su quest’argomento, ma in definitiva e’ un business con tutti i rischi del business. E nello specifico in Italia e’ tutto sommato piuttosto bloccato a livello locale (sia per i parchi eolici che per le centrali solari). Immobili e trading offrono ritorni sull’investimento decisamente superiori e con minori rischi e complicazioni, per questo li raccomando.

  34. Vorrei essere più giovane per seguire i tuoi corsi.
    Non è colpa mia se sono nato troppo presto (1928).
    Mi piace moltissimo il tuo approccio ai problemi.
    Anche a me piace(va) insegnare ! Fatti pagare bene !
    “quod gratis datur, contemnetur” ciò che è offerto gratis, è disprezzato. Lo sapevano bene anche i Romani.
    Vorrei farti gli auguri, ma non ne hai bisogno.

  35. Federico, l’eta’ anagrafica non ha alcuna importanza quando la mente e viva come e’ la tua. In piu’ sai usare Internet e non e’ una cosa comune a qualsiasi eta’. Il mio consiglio e’ usare la tua mente aperta per dirti “perche’ no?” e iniziare magari dai miei libri, o dal mio corso video. In gennaio iniziero’ anche con il corso introduttivo di una giornata, magari potrebbe essere quella l’occasione per incontrarci? Spero di si. E comunque non so se hai sentito parlare del colonnello Sanders, ormai in pensione, aveva 65 anni e si rifiutava di mettersi a riposo a fare le parole crociate. Aveva una ricetta per il pollo fritto e girava di citta’ in citta’ per farlo assaggiare, gli affari andavano cosi’ cosi’, ma lui insisteva. E ce l’ha fatta: ha fondato Kentucky Fried Chicken, una societa’ americana di fast food ormai di dimensioni enormi. E c’e’ la sua faccia sulle confezioni. L’eta’ non ha veramente nessuna importanza, alcuni sono come Mozart, altri come Sanders, la maggior parte delle persone e’ nel mezzo con sogni e speranze che magari si porta dietro tutta la vita. Dipende veramente e solo da te. Ma io dico sempre che non importanza cosa hai fatto prima: l’importante e’ cosa vuoi oggi, dove vuoi andare oggi. Ai miei corsi c’e’ anche gente della tua eta’. Ti aspetto fiducioso e grazie per avermi scritto.

  36. Hai proprio ragione. Spero proprio di incontrare una persona come te.

  37. Caro Alfio,
    voglio ringraziarti per i numerosi suggerimenti in materia finanziaria che ricevo costantemente attraverso l’indirizzo di posta elettronica. Ho letto con molto interesse i tuoi due libri sulla libertà finanziaria: anche se per certi aspetti trovo molte similitudini con i gia’ noti suggerimenti del buon Robert Kiyosaki di cui sono sostenitore trovo che i tuoi ulteriori consigli possano aiutare veramente le persone a motivarsi e a vedere il denaro come il mezzo indispensabile al raggiungimento dei propri obiettivi. Grazia ancora per i tuoi suggerimenti e a presto!.

  38. Grazie Cristian del feedback. Fa sempre molto piacere sapere che cio’ che scrivo “arriva” e “aiuta”. Buon 2010.

  39. Ciao Alfio,
    e’ la prima volta che ti scrivo.
    ho 48 anni e 32 li ho usati a creare sempre progetti innovativi, che mi hanno dato da vivere, ma mai per arricchirmi. Eppure tutte le cose che ho fatto e che faccio ci metto l’anima. la passione e’ sempre tanta,sbandiero consigli utili a tutti, sono sempre avanti come mentalita’ e motivazione, mi sono inventato di tutto, forse troppo e ho sempre fatto tante cose insieme senza mai dedicarmi ad una sola, perche’ ho sempre pensato che un’attivita’ non sarebbe bastata mai, ma un ventaglio di servizi, in periodi come questi fa comodo. dal marketing pubblicitario al food alle telecomunicazioni per passare al calcio, alla tv e al web. direzioni commerciali e quant’altro. Ho imparato tanto e tanto potrei insegnare, dalle tecniche di vendita a uomo manager. Ma mi rendo conto di non aver mai raggiunto una soddisfazione economica che conti. ho investito tanto su me stesso, tutti mi cercano per offrirmi direzioni commerciali per le mie attitudini, ma tanto lavoro e poca ricchezza. Che consiglio mi daresti? la motivazione c’e’ sempre anche in momenti difficili. basta un flash. Grazie e complimenti.

  40. Maurizio, ti posso dire questo. Hai ottenuto quello che volevi ottenere. Se ci pensi, e’ cosi’. Cambia i tuoi obiettivi e cambieranno le tue azioni, in questo sei bravo, inetndo ad agire e a ottenere risultati. Ma forse i tuoi obiettivi vanno aggiornati. C’e’ del lavoro da fare su te stesso. Ti consiglio un libro: “L’anno migliore della tua vita” credo sia questo il titolo. Lo trovi facilmente in libreria o anche online. Compralo e mettilo in pratica, e’ un ottimo strumento (ce ne sono tanti, ma questo e’ semplice e fatto bene). Sai pilotare la tua nave, ma devi trovare la rotta che ti porti alla tua isola del tesoro. Cercala e la troverai.

  41. Buonasera,
    ha mai pensato di fondare una SIM?

  42. Mi perdoni Alfio, ho formulato male la domanda.
    Che ne pensa delle società di intermediazione mobiliare? Dei traider professionisti possono pensare di fondare una sim? Oltre il fatto di far lavorare il proprio patrimonio anche quello di terzi?
    Grazie e buona serata

  43. Sicuramente dei trader professionisti possono fondare una sim e fare un ottimo lavoro. Io preferisco gestire da me gli investimenti mobiliari e lo insegno agli altri. Ma dare i soldi in gestione a professionisti affidabili e’ un’opzione ben sapendo che quello che non si conosce si paga: ovvero non gestendo da se’ i ritorni saranno inferiori (rispetto al SAPER FARE TRADING, ovviamente). Il problema e’ che ci sono anche professionisti scadenti e la loro sim dara’ risultati scadenti. Come riconoscere quelli bravi da quelli scadenti? Devi diventare competente in materia. Ma quando sei diventato competente, probabilmente vorrai fare da te. Una buona soluzione potrebbe essere affidare parte del patrimonio a professionisti e parte gestirla da te.

  44. Si Alberto, ci abbiamo pensato e attualmente sono coinvolto in un progetto di hedge fund.

  45. Quindi un giovane traider qualora riesca, potrebbe fondare una sim… ma quest’ ultima può diventare una banca d’investimenti?

  46. Alberto, si puo’ fare tutto. Bisogna capire come farlo e perche’. Ma si puo’ fare tutto.

  47. Ciao Alfio
    Ti ho conosciuto da pochissimo e ho partecipato ad un tuo corso sulla libertà finanziaria (ero uno dei due operatori video). Ascoltando quello che spiegavi ho capito che parecchie delle qualità che tu elencavi (le gambe del tavolo) io le avevo, su altre, invece, c’è da lavorare. Fra pochi giorni sarò a Milano per assistere/lavorare a un tuo corso sull’e-commerce. Ho 49 anni e da sempre ho lavorato in proprio perché ritengo che il lavoro del dipendente sia troppo avvilente.
    Io ho una mia ditta individuale che si occupa di riprese video.
    Nel 2000 ho iniziato ad interessarmi al Digital Signage e a cercare di capire come poter far fruttare la cosa. Dopo molti tentativi di convincere colleghi o conoscenti che la cosa poteva essere valida mi sono trovato da solo con le solite frasi attaccate alla schiena …”ma cosa pensi di fare… ma chi credi di essere… chi pensi che ti dia retta… tu non sei nessuno…” ecc. ecc.
    Nel 2009 ho trovato altre tre persone che hanno condiviso la mia idea, abbiamo fondato una società e a febbraio di quest’anno abbiamo sottoscritto un contratto con COOP per la gestione in esclusiva della pubblicità su monitor nei 5 centri Commerciali con Ipercoop della Liguria.
    Cosa pensi del Digital Signage? Lo ritieni un buon veicolo per raggiungere la libertà finanziaria?
    Se riesco a parlarti quando vengo a Milano vorrei chiederti alcuni pareri in merito.
    A presto
    Franco

  48. Franco, il prossimo weekend saro’ al seminario Scuola di Business, fatti vivo (anche se durante il seminario e’ sempre un casino).

  49. salve a tutti
    sto cercando un socio investitore per un progetto che sto seguendo chi volesse contattarmi il mio cell
    3312561672

  50. Salve! molto interessante e mi fa piacere leggere le tue parole, molto chiare. Sapevo già queste cose, sia per gli studi che faccio, sia per le mie intuizioni. Però è unicamente chiaro il modo in cui le spieghi, dai un beneficio importante a molte persone grazie alla tua capacità comunicativa. In più dai delle conferme. Ad esempio sentire le tue parole è un motivo in più per me, per credere ai miei progetti. Mi piacerebbe parlarti dei miei progetti. Adesso sono impegnato in un progetto imprenditoriale
    posso mostrarti tutto in modo chiaro, sia cv, sia progetti
    marco

  51. Non occorre che lo mostri a me, io sono solo uno dei tanti imprenditori, che in piu’ ama insegnare cio’ che sa. Cio’ che e’ importante e’ che il tuo progetto convinca chi lo deve finanziare.

  52. Al signor Federico…
    Federico sei un figo!!! 😉

  53. Salve a tutti , sono qui xche’ incuriosita , so poco o nulla ,ma di certo so che la mia vita deve cambiare. Lasciai 3 anni orsono il mio lavoro (pubblicita’ e comunicazione) nauseata e stanca di dare senza ricevere in cambio il giusto riconoscimento della passione che mettevo nel mio lavoro. Da allora penso e ripenso ma nn riesco a prendere nessuna seria decisione sul da farsi .Ritengo di essere come molti una fucina di idee spesso anticipate (vedi i self wash dog ) e molte altre ma senza la forza di partire x uno splendido viaggio. Non so cosa mi blocchi a parte certamente la mancanza di soldi e nn e’ poco . Ovviamente sento la frustazione del nn farcela visto che questo mondo ci chiede di essere qualcuno , di arrivare da qualche parte. Tutto nella mente ma che nn so far decollare ed e’ un vero peccato. Sento anche che nn mi e’ stato mai insegnato da parte dei miei genitori la fiducia in me stessa e quindi la mia grandissima paura di sbagliare. Mi sento sprecata , xche’ ritengo che avere creativita’ , ingegno seppur piccolo sia un vero dono e nn dovrebbe rimanere seppolto nei meandri della mente e in quel forziere che e’ la PAURA. Chissa’ se a qualcuno oltre che al signor Bardolla verra’ qualche buon consiglio o quella parolina magica che potrebbe fare significativamente la differenza e farmi fare il salto .GRAZIE A TUTTI

  54. Domandati: quale e’ la cosa peggiore che puo’ capitare se ci provo e non ottengo il successo che voglio? Le nostre paure sono grandi finche’ non le affrontiamo, quando le guardiamo in faccia di solito svaniscono o si riducono cosi’ tanto da poterle gestire senza problemi.

  55. Questa e’ una cosa che dico anch’io agli altri xche’ so che e’ cosi . Ma qui ad ogni modo parliamo di cose ben + serie che cambiare un rubinetto o mettersi alla guida di una moto . Qui si tratta di decidere in quale progetto credere , investire tutta la propria energia e se va male perderci molti soldi.Senz’altro Signor Bardolla Lei ha pienamente ragione anche se ha sempolificato al massimo la risposta .Grazie di cuore , buon lavoro

  56. Toh e io che speravo di trovare qualche altro post , invece nulla !!

  57. ciao a tutti ragazzi io sono in un business nuovo in italia che molto bello e paga moltissimo chi è interessato può contattarmi, cmq questo sito da davvero dei consigli buonissimi.
    ciao a tutti grazie

  58. IL CONCETTO CHIAVE PER FAR FUNZIONARE IL TUO BUSINESS???
    ABBANDONARE L’ITALIA IMMEDIATAMENTE!!!
    Scusate, io abito a nord est italia, e devo dire che le strutture sanitarie sono eccellenti, la gente si dedica a ciò che fa, le infrastutture sono ottime, e l’attitudine della gente mi piace (fatta eccezzione per i legali, vera gentaglia che fa di tutto, sia che tu sia cliente o avversario, per affossarti, io purtroppo ne conosco diversi)…
    Tuttavia il problema base è che le forze dell’ordine e lo stato ti trattano prima come un possibile delinquente, nell’accezzione più ampia del termine, e fanno di tutto per spremerti. Non dimenticando che quando guadagni vogliono il 50% e oltre, e quando perdi si girano dall’altra parte.

  59. falso, tutto falso! Il business non nasce da una idea, ma dalla capicità di saper fare qualcosa! Se io ho una idea ma non so come
    farla “con pochi migliaia di euro” meglio se lavoro sotto padrone!
    Qui in Italia per fare “business” è quasi IMPOSSIBILE.
    io invece propongo piccole attività micro imprese, altro
    che redbull, walkmen ecc. li ci vogliono capitali.
    Se si sa far qualcosa bene ci si può cimentare nell’aprirsi
    una ditta individuale, ma in piccolo e restando piccoli
    e soprattutto facendo fatturato zero se no ciao.
    Ci sono rarissimi casi di aziende che nascono da zero euro
    con solo una idea e tanta voglia di fare, ma sono RARISSIME,
    e devono capitare in momenti strategici, e cmq non faranno
    mai strada come la redbull se non ci sono i capitali.

  60. caro alfio mi servirebbero dei consigli nel come trovare clienti disposti ad acquistare guanti visto che ho una societa’ che sta crollando a causa della crisi e dei cine si se ai dei consigli ti prego di darmeli tvb ciao

  61. Il consiglio che ti do’ e’ questo: domandati perche’ i clienti devono acquistare i tuoi guanti. Se la risposta e’ “perche’ hanno un prezzo basso” non e’ una risposta utile. Se la risposta e’ “perche’ sono di buona qualita’”” non e’ una risposta utile. Perche’ i clienti dovrebbero acquistare i tuoi guanti? E quali sono i clienti che dovrebbero acquistare i tuoi guanti? Chi sono? Dove abitano? Cosa pensano? Cosa acquistano? Pensa a una nicchia, a un piccolo mercato in cui diventare il n.1 dei guanti. Questo e’ il marketing, cio’ che manca come esperienza alle piccole aziende italiane. Ma il marketing e’ tutto. A meno che tu non sia una fabbrica cinese, come ben sai.

  62. I capitali seguono le idee, Vincenzo. Se hai una buona idea ma non hai capitali, puoi sempre trovare chi ha i capitali e vede la possibilita’ di aumetnarli grazie alla tua idea. Non devi saper fare (anche se non e’ inutile) perche’ la manodopera specializzata anche intellettuale si trova dappertutto, ora piu’ che mai.

  63. Buongiorno Alfio,
    ho 30 anni ed al momento sono un lavoratore dipendente (netti circa 25000/30000 annui);
    Vorrei diventare imprenditore ma, come molti, ho paura a mollare la mia situazione attuale che mi garantisce tranquillità.
    Ho però individuato un’attività imprenditoriale che potrei portare avanti in parallelo: Nella mia zona (provincia Lodi) un centro commerciale con galleria (circa 25 negozi) è sprovvisto di farmacia e parafarmacia; visto che tale galleria ha un paio di spazi da affittare pensavo di installare un distributore automatico di prodotti parafarmaceutici;
    Il dubbio mi sorge quando, sfogliando Millionaire, trovo un sacco di aziende che forniscono tali apparecchiature….. il dubbio consiste nel “non è che il vero business dei distributori automatici lo fa chi vende le apparecchiature??”
    un pò come il buon Levis che forniva attrezzi ai cercatori d’oro………
    Un saluto e complimenti per la tua attività

  64. Non c’e’ una risposta univoca, Claudio. Ci sono distributori automatici che sono degli ottimi affari e altri che invece non portano risultati positivi. E’ fondamentale fare un’analisi per valutare il ROI, i rischi e le eventuali strategie di uscita. Quale e’ il miglior risultato ottenibile? Con quale rischio? Quale e’ la cosa peggiore che puo’ succedere e cosa fare in quel caso? Queste sono le domande base degli imprenditori.

  65. In base alla tua esperienza nel settore, quali ROE e ROI massimi hai ottenuto?
    Le migliori location sempre in base alla tua esperienza quali sono?
    un saluto
    Claudio

  66. steve jobs non ha inventato il lettore mp3, quando è uscito l’ipod io ero al mio terzo lettore mp3, dici che ha inventato l’ipod(vero) ma lo dici come se avesse inventato il lettore mp3. Ha creato il prodotto piu venduto non perché fosse il migliore ma solo perchè era il più cool.Anzi è il più scomodo che si può usare solo con itunes….ha creato un monopolio scomodo…non certo per lui.
    Gli è andata molto bene…..molta fortuna….se fosse frutto solo di uno studio accurato perchè ha chiamato Ipad ovvero ASSORBENTE l’ultimo prodotto? Perchè non c’era una donna nelle 30 persone che si sono ocupate del naming

  67. Ho detto che ha inventato l’Ipod, non il lettore MP3. Ma per il 99% delle persone sono la stessa cosa ed e’ la percezione della maggioranza cio’ che conta. Steve Jobs sa come creare prodotti cool e mantenerli tali. Anche nei primi anni della Apple non era lui il tecnico o l’inventore, ma quello con le antenne per capire o creare i trend. Per quanto riguarda l’iPad mi pare che le donne ne vadano pazze e non credo che associno la tablet agli assorbenti. Non sto certo a mitizzare Jobs o la Apple che hanno i loro limiti e problemi (per esempio i telefoni Android), ma e’ esemplificativo del concetto che volevo esprimere nell’articolo.

  68. Trovare il business giusto parte da una capacità di conoscere il mercato o dalla propria testa? o magari un mix di entrambi?
    Quali strumenti mi occorre avere, secondo te, per capire se la nicchia in cui voglio operare è quella giusta?
    Ricerche di mercato, percui come dice il “genio ribelle dell’infomarketing”, conoscere tutto della tua nicchia?
    Ma se ci entri ora come fai a conoscere tutto? Da dove partire nel concreto?
    Un suggerimento?
    Grazie
    Cristian

  69. Chi fa business online parte dal mercato che c’e’ online. Capire quante persone ricercano parole chiave e se acquistano e’ fondamentale per capire in quale nicchia andare. Ripeto: quantita’ di ricerche e qualita’ delle ricerche, ovvero, ricerche di persone che acquistano online. Ti consiglio di leggere gli articoli di Marco De Veglia che tiene per noi il seminario Internet Business. Li trovi sul sito http://www.internetmoneyitalia.com

  70. ciao ALfio,sei davvero un serio professionista,mi potresti dare una mano a capire come riuscire a trovare piccoli appartaenti al 30% in meno? mi guardano stupiti quando chiedo uno sconto che si aggira in quei pressi!… alle aste non posso per mancanza di liquidità. Ho letto i 3 libri e cerco di applicare ciò che consigli…ma sembra quasi impossibile…sono interessato esclusivamenti agli immobili settore più familiare…ciao

  71. Vito, trovare immobili a sconto e’ una parte rilevante del seminario di 2 giorni, si parla molto di questo argomento. Se non hai modo di venire al seminario, parti dalla tua esperienza. Valuta cosa hai fatto finora e che risultati hai avuto e cambia, trova nuove idee. Ti posso dire una cosa chiave: e’ un mestiere creativo. Domandati: chi deve vendere oggi un appartamento? E come faccio a trovare queste persone? Datti le risposte e non hai bisogno d’altro per trovare i tuoi immobili a sconto.

  72. Ciao Alfio, ormai fate sempre gli stessi esempi, chiunque leggo scrive di Steve J. Red Bull, ecc….
    prima o poi verro’ al tuo corso a scuola di business sperando di avere dei consigli concreti e pratici.
    A presto!!!

  73. Perche’ Steve Jobs e Red Bull sono cose che tutti conoscono: avrebbe poco senso che facessi gli esempi di Boston Chicken, Geico o Kaspersky che sono magari interessanti ma non li conosce nessuno tranne gli addetti ai lavori. Gli esempi devono essere quanto piu’ semplici e vicini a chi li ascolta per funzionare.

  74. Salve a tutti!!
    Alfio non so se imparo di più dai tuoi insegnamenti o dei commenti che lasciano i lettori…:-)jajaj (scherzo) E BELLO sapere che tutti condividiamo un stesso SOGNO: VIVERE CON GIOIA E SALUTE!
    Sono dal Ecuador ho 29 anni, faccio network marketing e tutti mi prendono in giro, con le vostre idee sicuramente il 2011 sarà di GRANDE SUCCESSO PER ME!GRAZIE A TUTTI anche se non ci conosciamo!

  75. Salve, mi affaccio a questa vetrina per indicare la mia idea:
    opeo nel settore dell’energia, ed avendo capito che il settore sia forovoltaico che eolico giunfeva alla sua fine, ho deciso di rivolgermi a centri specializzati e riconosciuti dalla Comunità europea per costruire centrali a BioGas attraverso culture ricavate da terreni, inoltre risolvendo problemi agli agricoltori con l’utilizzo dei loro rifiuti organici utilizzandoli nei ns impianti.
    La mia richiesta è di poter finanziare o intercettare persone o aziende che vogliano inserirsi in questo settore, il mio punto di forza sono i Ns terreni già identificati,lo studio di fattibilità,la società che costruirà l’impianto, il progetto acclarato e garantito, le connessioni. Tutto questo costituisce una risorsa immensa nel settore, naturalmente la richiesta è rivolta a coloro che siano addentrati in queste attività.
    Un saluto a tutti.

  76. Alfio e lettori buon dì,
    Sono partito ma sono bloccato!
    Vi faccio un po il resoconto della mia situazione, sperando di ricevere qualche consiglio che mi sblocchi e che magari aiuti quelli che sono nel mio stesso stato.
    Ho una idea che potrebbe risolvere un problema abbastanza importante o quantomeno vasto, faccio il disegno e un prototipo abbastanza funzionante che rende l’idea.
    A questo punto non so come procedere, brevettare questa soluzione? Rivolgermi a qualche colosso (nike, adidas) visto che potrebbe rivolto a loro? e in questo caso come contattarli?!
    help help perchè sono sei mesi che ho l’idea parcheggiata sulla scrivania ma nonn vedo alcuna via d’uscita.
    Grazie a tutti.
    Stefano

  77. Puoi registrare l’idea o brevettare il processo (si puo’ fare online, una ricerca su Google in inglese trova facilmente i siti) e c’e’ addirittura un mercato per le idee e le invenzioni. Se e’ una cosa che puo’ avere un mercato mondiale non limitarti all’Italia ma ragiona in termini globali. Se l’inglese e’ un problema per te, e’ un problema, ma puoi trovare qualcuno che ti dia una mano.

  78. Ciao Alfio,
    ti ho conosciuto ad una presentazione che facevi per un azienda,due parole e da li ho iniziato a prendere informazioni su di te.
    ho letto i tuoi libri e li ho trovati molto interessati specialmente per un ragazzo giovane come me,senza rating,senza capitali.
    mi hai aperto la mente e mi hai iniziato a far capire cosa un ragazzo che ama la vendita ed il marketing può sviluppare con la giusta formazione.
    mi sono dilungato per dire a tutte le persone che tu sei un modello da seguire e che se solo volessero veramente ottenere risultati dovrebbero leggere bene i tuoi libri ed i libri che tu indichi nella tua bibliografia e porsi le stesse domande.
    signori a distanza di un anno dalla sua conoscenza senza rating e soprattutto senza capitali ho iniziato a creare la mia entrata automatica molto superiore alle mie passività riuscendo anche a regalarmi qualche giocattolo e soprattutto essendo ogni giorno che passa sempre più inutile alla mia azienda e vedendo aumentare mensilmente il profitto in un settore che ha avuto un rincaro del 300% della materia prima.
    signori leggete e fate azioni di massa!
    Bisogna cmq pensare,quindi perchè non pensare in grande?D.J.Trump.
    P.S Grazie mille Alfio per me sei un numero uno!

  79. Tu sei un esempio da seguire. Sono sempre felice di incontrare lettori del blog come te che invece di fare tante chiacchiere fanno azioni e mettono in pratica. E non serve andare ai seminari, serve studiare, pensare e mettere in pratica. Complimenti.

  80. SONO SOLO STRONZATE DEL CAZZO PER VENDERE LE SUE MONATE DI CORSI DEL CAZZO!!!!!!!! IO L’HO FATTO E CHI CI HA GUADAGNATO è SOLO LUI …. MEDITATE COGLIONI CHE CI ANDATE MEDITATE….

  81. Luca, se non era soddisfatto del corso poteva richiedere il rimborso con la garanzia 100% soddisfatti e rimborsati che offriamo sempre e a tutti. Da parte nostra c’e’ sempre il massimo impegno e interesse ad aiutare, pero’ dobbiamo sapere quali sono i problemi. Non e’ certamente il blog il luogo per discutere di queste cose (e neanche per insultare me o chi frequenta i miei corsi), ma se vuole chiamare in ufficio e spiegare il problema, noi ci siamo.

  82. Ciao Alfio,
    Se considero questo tuo discorso, posso chiudere prima che sia troppo tardi !! “…Spesso, infatti, ci sono idee di business che nascono da una passione o da un’intuizione del potenziale imprenditore, ma non interessano il mercato, o interessano un mercato troppo piccolo o difficile da raggiungere. In questi casi, la passione guida il potenziale imprenditore verso la catastrofe.”… Questo rappresenta un pò quello che è succsso a me e come è iniziata la mia attività (gennaio 2001), sono un artigiano e interior design. Certo, la mia attività è di nicchia sotto certi aspetti, il lavoro non mancherebbe (malgrado la crisi nell’edilizia), mancano piuttostoi fondi per poter ampliare l’attività e renderla più strutturata, forte, che possa competere anche a livello internazionale…non mi accontento delle “briciole” altrimenti non ha senso intraprendere dei rischi per fare una vita mediocre di ristrettezze…devo trovare introiti alternativi per crescere…cosa mi consigli ??!

  83. La strada l’hai gia’ indicata tu che conosci il tuo business: devi espanderti e uscire dall’Italia sembra una buona strada (design italiano). Se non ce la fai da solo valuta di fare partnership all’estero che possono portare capitale e knowhow locale.

  84. Spesso formalizzare e pianificare l’idea imprenditoriale genera una serie di dubbi che infondono dentro di noi insicurezze di ogni genere. Il focus e la definizione di obiettivi numerabili sono l’elemento fondamentale per la riuscita di un progetto aziendale. La mia esperienza mi insegna che la cosa fondamentale è inseguire un sogno. L’imprenditore è colui che ha un sogno da inseguire. Spesso non vuol dire che la tua idea sia la migliore ne che sia indispensabile ma sicuramente deve appartenere a un desiderio

  85. Il sogno è sicuramente la benzina che alimenta l’auto dell’imprenditore. Ma altrettanto importante è la tenacia: senza tenacia ti fermi alla prima difficoltà e le difficoltà saranno tante. Tenacia significa fermezza d’animo, continuare fino al raggiungimento dell’obiettivo. Da solo il sogno non è sufficiente.

  86. Hi Alfio!
    Prima di tutto ringrazio per le mail..;)
    Ho vent’anni e sforno un’idea non ogni settimana, bensì ogni giorno!!! In svariati campi peraltro…
    Pertanto sono assolutamente interessato a questo corso!!! Parallelamente però volevo chiedere, davvero non c’è un’università che insegni a creare dei sistemi funzionali? Io, dopo un fantastico anno in chimica, sto valutando essenzialmente due facoltà per tale finalità: ingegneria gestionale e/o economia aziendale. Oppure potrei partire da qualsiasi altra facoltà tecnica e partire con un’idea di business specifica, ma non è detto che apprenda un sistema corretto per realizzare veramente il business. Chiedo un parere riguardo l’università (e lo faccio convinto che sia un contenuto interessante per tutti) perché mi rendo conto che si rischia di “buttare” tre o cinque anni senza guadagnare alcunché, e parallelamente il tuo seminario dura due giorni se ho ben capito, quindi si rischia al contrario di non avere neanche il tempo di assorbire tutte le informazioni e sopratutto il know how necessario!!! Anche se lo si ripete un’altra volta..;)
    E’ un’opinione, credo che possa interessare a tutti i suoi giovani lettori come me.;)

  87. La realta’ universitaria italiana (e non solo italiana, ma certamente nel nostro Paese) e’ che l’insegnamento e’ molto teorico e svincolato dalla realta’ lavorativa. Non credo sia un mistero, lo si dice da anni. La mia esperienza come laureato in Scienze Bancarie e’ che tutte le parti tecniche che mi servono nel mio lavoro le ho imparate da solo e non sui libri. Se hai l’obiettivo di andare all’universita’ per imparare qualcosa che poi metti in pratica, fatto salvo per qualche laurea tecnica, non credo sia un obiettivo realistico. E comunque considera di studiare tutta la vita, chi pensa “mi laureo e sono a posto” non fa molta strada oggi.

  88. Alfio ho postato una domanda di sicura utilità a molti ” come cercare efficacemente soci in capitale e come comunicare un progetto realmente profittevole e ben pianificato?” capisco che la risposta non sia semplice ma non trovo cortese da parte tua rimuovere un post con questa semplicità.Ti propongo una discussione e uno scambio su quella che è la situazione e spero che si potrà arrivare a proposte concrete o (magari) soluzioni – interesserà a moltissimi imprenditori che vogliono crescere ma sono costretti a lottare con i mulini a vento, nonostante la tenacia e la determinazione. Inizio un elenco:
    – amici e conoscenti ( i miei spesso sordi o pigri)
    – networking, su linkedin teoricamente ci sono milioni di persone informate su cosa cerchiamo
    – supporto start up vari ce ne sono molti ma nel paese dei furbi molti hanno trovato un nuovo target di soggetti a cui vendere servizi ( spesso non finalizzati e di dubbia utilità)
    – business angel in questo paese non hanno ben capito nella maggior dei casi che mestiere dovrebbero fare
    – private equity che non valutano aziende sotto 5 mil. di euro
    – venture capital ( pochi, pochi fondi e spesso poco attenti)
    – imprenditori e aziende del settore ( il mio è la moda) che guardano al proprio giardinetto ….
    e più in generale quello che definirei un problema di massa in Italia – eccessivo individualismo, pigrizia,chiusura e tendenza a “avere senza dare”…
    – penserai che i ns progetti non sono così interessanti come hai già scritto ad altri…cosa che accetterei dal momento in cui qualcuno analizzasse il progetto, la struttura, le potenzialità e competenze ed ovviamente in concreto i numeri del business plan.
    Il grosso del problema è che chi deve valutare e ascoltare (e il target è stato ben individuato) non ha voglia, non ha tempo, non ha interesse ecc ecc
    Concluderei chiedendoti: come e con chi comunicare per sviluppare un progetto? (di sicuro interesse commerciale basato su 10 anni di esperienze, innovazione,profittabilità)
    Ringraziandoti per la tua risposta
    Sergio Montagna

  89. Se vuoi che valuti un progetto puoi mandarlo in ufficio. Ti dico che i tempi di risposta in questo periodo sono lunghi perche’ ne ricevo veramente tanti. Ti invito a cercare comunque per conto tuo il tuo finanziatore e magari valutare anche finanziatori all’estero o soluzioni alternative (finanziamenti da privati online). In definitiva se uno vuol fare l’imprenditore non e’ che puo’ fermarsi perche’ non sa come trovare i soldi per partire, li trova e basta.

  90. Thank you very much, ci vediamo ai corsi allora..:D

  91. ciao Alfio,anche grazie a te e ai tuoi corsi la mia vita è radicalmente cambiata in meglio. Vorrei porti una domanda sul fisco. Se un’azienda (srl) non saldasse volutamente l’iva per diciamo finanziarsi? e se non pagasse nulla (saldo iva,tasse,f24 per dipendenti,ecc….)per finanziarsi temporaneamente? cosa succederebbe all’amministratore? grazie

  92. e vorrei porti una seconda importante domanda,spero di spiegarmi adeguatamente.
    Ho 3 ristoranti e vorrei aprirne altri, chiedendo alla banca di essere finanziato.
    Le banche finanziano più facilmente (a parità di reddito a fine anno) una società che opera realmente nel settore,quindi con flussi di cassa,dipendenti,caxxi vari, oppure una società che affitta il ramo d’azienda (magari ad una società B sempre gestita da me…..) con contratti belli solidi per i successivi 12 anni e senza dipendenti e caxxi vari?
    Quindi la società A avrebbe un reddito sulla carta suscettibile agli alti e bassi,mentre la società B avrebbe un reddito certo come da contratti di affitto di rami d’azienda.
    spero di ottenere una tua risposta e spero di essermi spiegato 🙂

  93. E’ una domanda molto tecnica di carattere amministrativo-legale, non di carattere generale. Ci sono diversi aspetti da valutare e ti invito a chiamare in ufficio per sentire un’eventuale contatto con uno dei nostri specialisti in questo settore.

  94. Ti sei spiegato abbastanza, ma non e’ una domanda a cui rispondo sul blog: non rispondo mai a domande specifiche che interessano una sola persona. Pero’ ti invito a chiamare in ufficio per parlare con uno dei nostri esperti della sezione A Scuola di Business che puo’ valutare con te le due alternative.

  95. ok,grazie! mi pare di capire che valga almeno la pena di parlarne e che quindi l’idea non è malvagia,giusto? intendo l’idea di valutare anche uno schema non classico di impostazione aziendale

  96. la banca,garantita da una cooperativa di garanzia, sarebbe pronta a darmi 70mila euro di finanziamento in 60 mesi. Però mi chiede 3500 euro come deposito cauzionale che mi restituirà alla fine del finanziamento ed altri 3500 come spesa per la fideiussione! Ti pare lecito? tu accetteresti queste condizioni sapendo che quei 70mila genererebbero un guadagno superiore alle spese? grazie

  97. ciao Alfio è la prima volta che visito questo sito ho letto molte testimonianza io ho delle belle idea e sò che sono belle ma potrei parlarti di persona perchè il mio progetto è per fare un business in cina e trovare dei soldi per fare qualcosa sarà difficile ma se potessi parlarti di persona forse potresti darmi delle dritte il cel è 3661086709
    grazie Alfio

  98. Ti invito a chiamare in ufficio per fissare un appuntamento con le persone che mi aiutano a valutare le opportunita’ di business.

  99. Ciao Alfio.
    Cosa ne pensi del network marketing in generale?
    Credi possa attecchire in Italia?
    Grazie.

  100. Il network marketing e’ gia’ una realta’ in Italia, ci sono molte persone che guadagnano un reddito interessante e diverse che guadagnano molti soldi. Io credo che il network marketing sia uno strumento eccellente per imparare molte delle competenze che ti servono per gestire un business: vendite, marketing, organizzazione, gestione delle risorse, leadership.

  101. Buongiorno, Leggo con interesse questi blog e molti concetti espressi da Alfio mi sembra di averli sempre seguiti per istinto… Ora grazie alla crisi economica che nel mio settore è cominciata subito dopo Tangentopoli , la moda della regalia per farsi belli con i potenti era un bel business, sono in difficoltà economica.
    Ora sono in procinto di acquistare (nel frattempo metto in vendita il negozio laboratorio che ho ora) un fondo di negozio in una zona più commerciale di dove sono ora, grazie al finanziatore che ho trovato (La Mamma) perchè ritengo che pagare un affitto e ancora peggio una buonauscita O buonaentrata come si usa a Venezia siano soldi buttati, piuttosto un mutuo almeno è un investimento.
    Il mio Inglese è a livello patetico, e studiare per migliorarlo è un grosso problema da Dislessico/disgrafico ho grossissimi problemi a leggere studiare, non sono arrivato oltre la terza media, in compenso sono testardo e vado avanti, con queste premesse diventa difficile guardare ad altri mercati e finora ho sempre trovato possibili collaboratori per il discorso marketing che per compensi tripli rispetto al mio reddito mi vengono a dire cose ovvie che però richiedono investimenti enormi e tempi lunghi il rischio tutto mio e loro uno stipendio minimo e la percentuale se va bene.
    Alfio, come ti sembra il mio approccio al business?
    Scusa se mi sono dilungato, ne approfitto pure per farmi spudoratemente pubblicità, usando il mio nome, su google, si arriva direttamente al mio sito , sono il primo della lista…
    Se tra i tuoi conoscenti c’è qualcuno interessato al mio settore disposto a prendersi anche i rischi oltre agli onori mi contatti…

  102. Come imprenditore sai che devi fare delle scelte. Se il tuo business richiede l’inglese, devi trovare il modo di farlo funzionare in inglese. Eventuali problemi di lettura si curano e anche spesso in modo veloce (molto spesso si tratta di convinzioni errate sulle proprie possibilita’). Se ti trovi a pagare consulenti marketing il triplo del tuo reddito o aumenti il reddito, oppure impari a fare marketing da solo (ma comunque devi avere l’obiettivo di guadagnare piu’ di un consulente marketing). Poiche’ sei a Venezia hai un vantaggio di percezione, specie producendo un prodotto artigianale come il tuo. Il mio consiglio e’ di sfruttarlo a fini di marketing: con un buon consulente oppure, ancora meglio, imparando il marketing da solo.

  103. Ciao Alfio scusa se riprendo l’argomento del business distribuzione automatica. L’ho scoperto pochissimo tempo fa e sto reperendo più info possibili per la valutazione. Ho contattato 5 aziende diverse per sentire le loro proposte; volevo semplicemente avere un brevissimo consiglio da te su come scegliere la fonte di info ideale per la valutazione. Ti ringrazio in anticipo

  104. Ciao Alfio.
    Vengo al punto.
    Mio padre è professore universitario e fa ricerca nel campo delle bioplastiche, bioenergia, ecc. (settore particolarmente in espansione ma con pochi ancora disposti ad investirci).
    Questa mattina mi ha mostrato la presentazione che farà nel suo prossimo convegno riguardante lo sviluppo di bioplastiche. Al termine della presentazione ha messo una slide con la foto del progetto pilota, il costo (circa 4 milioni di €) ed una scritta “Who is paying for?”.
    Come possiamo rendere il messaggio finale più “appetitoso” in modo da stuzzicare la voglia ed il desiderio d investire in modo da poter continuare la ricerca e far partire questo settore molto prolifico?
    Ti ringrazio

  105. Credo che bisogna star attenti ai messaggi che si lanciano… ok che ci vuole l’idea vincente, pertinente al mercato eccetera, ma bisogna star attenti a non illudere la gente mettendo qua e là la frase “fare milioni” e simili… Non si dovrebbe aprire un’attività, a mio avviso, con l’biettivo di fare soldi a palate, né tanto meno stimolare a farlo con la prospettiva di guadagnare soldi in gran quantità. Di Jobbs, Zuckerberg ce ne possono essere pochi alla volta…non so se mi sono spiegata.

  106. Si e’ spiegata bene, ma non capisco perche’, con questo suo atteggiamento, legge questo blog. L’obiettivo di questo blog e di tutto quello che faccio e far capire alle persone che invece e’ possibile diventare imprenditori e fare soldi a palate. Certo che non e’ per il 100% delle persone, ma la possibilita’ c’e’. Se lei non crede che sia possibile, veramente, trovo un po’ inutile che lei spenda tempo a leggere cio’ che scrivo.

  107. Non ho capito se mi chiedi un consiglio su una presentazione o se mi proponi il business di tuo padre. La risposta alla prima domanda e’: non c’e’ niente da rendere appetitoso e stuzzicare. Se il progetto sta in piedi sara’ possibile trovare finanziatori, altrimenti no. E se e’ qualcosa di veramente importante, puo’ cercare anche all’estero dove magari sono piu’ facilmente interessati a investire.

  108. sono uno scultore della pietra e mi sono atrezzato con mie fatiche ma oggi con la crisi si rischia assai

  109. Ciao Alfio. Ti seguo spesso e sempre con enorme interesse. Voglio scrivere questo mio messaggio per condividere con te e con tutti gli altri amici il mio pensiero rispetto a questo blog. Sei fenomenale, come fenomenali sono i concetti che esprimi….e i modo con i quali lo fai. Sto leggendo proprio in questi giorni il libro “Padre Ricco Padre Povero” di Kiyosaki e gli argomenti trattati sono proprio gli stessi. sono completamente d’accordo con ciò che ci scrivi nel blog…….
    Grazie ancora per il prezioso contributo.
    Massimo
    Ps: da anni mi occupo di Sviluppo Personale (prima il mio) credo quindi profondamente ai concetti da te espressi. Grazie ancora Alfio, buon lavoro e Buona vita, a te e a tutti gli amici che qui hanno scritto.

  110. Grazie a te per il bel feedback. E in bocca al lupo per la tua liberta’ finanziaria.

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello