Sei uno che “gioca in Borsa”? Ecco perché perdi!

Sei uno che “gioca in Borsa”? Ecco perché perdi!

Hai mai sentito qualcuno dire frasi del tipo “Voglio giocare in borsa?” oppure “Hai mai giocato in borsa”? Sono molto comuni, ma ti portano sulla cattiva strada, se davvero vuoi guadagnare sui mercati finanziari, e ti spiego perchè.

Anche solo usare il termine “giocare” ti mette in una posizione di svantaggio, perchè ti fa credere che si tratti davvero di un gioco. Ma la Borsa non è un gioco come la roulette, il poker o la slot machine che trovi in un casinò.  Solo pochi la considerano come un mercato da conoscere a fondo e su cui fare investimenti, in modo serio e in ottica imprenditoriale.
Per questo, l’’87% di chi investe in azioni perde, mentre soltanto il restante 13% crea un vero guadagno.
La maggior parte delle persone infatti si butta letteralmente in Borsa comportandosi quasi come un bambino di 4 anni: fiducia cieca nei “grandi”, nessuna gestione del rischio e, ovviamente, scarsissime conoscenze e informazioni.
Quando si decide di investire, in qualunque settore ma ancora di più nel trading, è fondamentale avere non solo la giusta base di nozioni, ma soprattutto una strategia ben definita che permetta di valutare pro, contro, opportunità e probabilità di ogni operazione, di avere bene in mente le mosse da fare e di sapere anche la tipologia di rischio a cui si va incontro.

Se “giochi in Borsa” allora stai solo giocando

In Italia molte persone – tra cui alcuni partecipanti ai miei seminari di trading sulle opzioni o sul Forex –  affermano di ““giocare in Borsa”” e questo la dice lunga sul loro stato d’’animo: sono guidati dalla fatalità, dalla sorte, un po’’ come in una classica lotteria, forse più sofisticata ma decisamente più pericolosa perché si possono perdere grandi somme.
Se stanno solo giocando, allora non è una cosa seria, quindi perché si disperano quando perdono i risparmi di una vita?
Quante persone prima di acquistare un’’auto si documentano? La maggior parte. Quante persone invece si informano prima di investire i loro soldi in azioni? Pochissimi. Al massimo chiedono alla banca oppure, il che è ancora peggio, acquistano quello che tutti acquistano, seguendo ‘la massa’.
Persone che non darebbero neanche 100 euro a un estraneo, danno facilmente 100.000 euro a estranei che promettono la possibilità di guadagnare”. Questo è tutto quanto sa l’’investitore medio. Che, obiettivamente non può fare molto se non applicare la strategia buy & pray, cioè acquista e prega.
L’unico modo che ha per guadagnare infatti, o almeno non perdere i suoi soldi, è che l’’azione salga, che tutto vada bene e che prosperità e ricchezza abbondino ogni dove.
trading-in-opzioni

Trading in Opzioni

Tutto quello che devi sapere sulle opzioni e che non hai mai pensato di chiedere.
SCARICA GRATIS

 
Purtroppo, chi “gioca in Borsa” inizia a farlo quando ormai di solito c’è poco da fare e la discesa è dietro l’angolo, ma ovviamente chi vende le azioni che cominciano a scendere esorta a “non cambiare strategia infondendo una vana speranza di risalita, come se fosse una prova di forza invece che di intelligenza, preparazione e cultura.

“Investire in Borsa” è un business serio, anche se accessibile a tutti

Credo veramente che chiunque possa imparare a fare trading sulle opzioni, sulle valute (Forex), sulle materie prime (Commodities) o sulle criptovalute. Allo stesso modo sono convinto che con questo sistema tu possa diventare finanziariamente libero.
Però va affrontato come un business serio.
Ti faccio una domanda: quanto hai studiato o lavorato per raggiungere l’’esperienza che hai nel tuo attuale lavoro? Immagino siano parecchi anni e comunque migliaia di ore di studio e pratica.
Il trading non è diverso. Quando fai trading, competi alla pari con persone che lo fanno di mestiere: devi quindi avere umiltà, lavoro, perseveranza, intelligenza e metodo. Se ti applichi davvero, puoi in pochi mesi decidere di mollare il tuo lavoro perché puoi guadagnare molti soldi con un qualcosa che richiede impegno e costanza, ma senza essere stressato o dovendo trascorrere tutto il giorno sui siti di trading (almeno se metti in pratica le tecniche che insegno ai miei seminari). Ci sono tanti mestieri più impegnativi del trader e sicuramente meno remunerati.
Non smettere mai di studiare, imparare e migliorare: è ciò che serve alla maggior parte delle persone. Ho visto fotografi, poliziotti, operai, casalinghe diventare trader in meno di un anno e cambiare completamente la loro vita. Hanno deciso che fare trading – non “giocare in Borsa” – era il loro biglietto verso la libertà finanziaria e ci sono arrivati.
Se invece vuoi “giocare in Borsa” allora accomodati, ma ricordati che, come si dice a poker ““se al tavolo non sai chi è il pollo, allora il pollo da spennare sei tu””.
trading-in-opzioni

Trading in Opzioni

Tutto quello che devi sapere sulle opzioni e che non hai mai pensato di chiedere.
SCARICA GRATIS

 
Al prossimo appuntamento con la tua libertà finanziaria,
Alfio Bardolla

Chiudi il menu
×
×

Carrello